Lo Scopo della Creazione

La natura innata (fiṭrah) dell’uomo riconosce ciò che è bene e male, ciò che è vero e falso. Riconosce che gli attributi di Dio (Allāh) debbano essere veri, unici e tutti perfetti. Nega ogni forma di degrado dei Suoi Attributi, né accetta l’attribuzione di qualità umane al Creatore. Molti di coloro che divennero scontenti di Dio” ebbero questa reazione a causa delle pratiche della Chiesa nell’Europa medievale e a causa di dichiarazioni come “Dio vive in un figlio” e “ognuno nasce con un peccato originale”.

Essi “scapparono” verso una cosa nuova chiamata “madre natura”. Con il progresso della tecnologia materialistica, altri, da diverse “religioni”, adottarono il concetto di “dimenticare Dio” e “viviamo questa vita e godiamocela”. Fecero rivivere il vecchio “dio” di Roma , il “dio del desiderio”.

Oggi possiamo notare che tutto questo progresso materialistico ha prodotto un vuoto spirituale che ha portato a complessi problemi sociali, economici, politici e psicologici. Molti di coloro che “fuggirono” dalle loro religioni sono di nuovo alla ricerca.

Alcuni cercano di “evadere” dalla complessità della loro vita quotidiana, attraverso vari mezzi. Coloro che hanno esaminato il Corano e l’Islām, hanno trovato un codice di vita perfetto che esige che l’uomo raggiunga lo scopo della sua esistenza sulla terra.

Allāh non vuole che l’uomo sia schiavo di qualsiasi falsa divinità: natura, droga, lussuria, denaro, altri uomini o donne, desiderio o sesso. Questo vale per i Musulmani e per i non Musulmani. Egli dà prove che Lui sia l’Unico Che possa aiutare l’uomo a liberarsi dalla schiavitù di qualsiasi forma di creazione e a rivolgersi Solo al suo Creatore. Egli è il Primo, nulla è prima di Lui; egli è l’Ultimo, tutto finisce tranne Lui; Egli è l’Altissimo, nulla è al di sopra di Lui; egli è il Più Vicino, nulla è fuori dalla Sua portata. Egli non genera e non è stato generato. Egli è il Signore di Adamo, Noè, Abramo, Mosè, Gesù e Muḥammad, la Lode e la Misericordia di Allāh sia su tutti loro. A Lui Solo l’uomo deve sottomettersi.

L’umanità deve conoscere lo scopo della sua esistenza sulla terra, la sua responsabilità nei confronti del suo Creatore e come prepararsi per il Giorno in cui ritornerà a Lui.

 LO SCOPO E IL RITORNO

Allāh ha creato l’uomo e a Lui l’uomo appartiene. Egli (Gloria a Lui l’Altissimo) ha ordinato che un giorno l’uomo muoia e torni a Lui. Questo mondo è un periodo transitorio. Allāh (Gloria a Lui l’Altissimo) ha voluto che l’uomo organizzasse la sua vita secondo ciò che Egli ha decretato. Questo è il significato di venerare.

La venerazione richiede assoluta obbedienza, umiltà e amore per Allāh, il Quale ha promesso una vita eterna in Paradiso a coloro che obbediscono e adorano solo Lui e una dimora eterna nell’Inferno per coloro che rifiutano Lui e i Suoi ordini:

Poi, quelli che avranno creduto e ben operato [andranno] nei Giardini delle delizie. (Corano 22:56)

E i miscredenti che smentiscono i Nostri segni, sono i compagni del Fuoco, in cui rimarranno per sempre. (Corano 2:39)

La vita dell’uomo, a casa, come contadino, commerciante di automobili, elettricista, consulente informatico, presidente, capo esecutivo di una società, coniuge ecc, deve attenersi a uno stile di vita in base alle linee direttive rivelate da Allāh. Egli è Colui Che ha definito ciò che è bene e ciò che è male. Egli ha dichiarato:

Daremo una vita eccellente a chiunque, maschio o femmina, sia credente e compia il bene. Compenseremo quelli che sono stati costanti in ragione delle loro azioni migliori. (Corano 16:97)

La Rivelazione contiene tutti i dettagli riguardo il bene e il male. Il compito di definire ciò che è bene o male non è lasciato alla natura limitata dell’uomo:

Abbiamo fatto scendere su di te il Libro, che spiegasse ogni cosa, guida e misericordia e lieta novella per i Musulmani. (Corano 16:89)

In verità il giudizio appartiene solo ad Allāh. Egli vi ha ordinato di non adorare altri che Lui. Questa la religione immutabile, eppure la maggior parte degli uomini lo ignora. (Corano 12:40)

Allāh ha dichiarato che:

Chi fa il bene lo fa a suo vantaggio, e chi fa il male lo fa a suo danno. Il tuo Signore non è ingiusto con i Suoi servi. (Corano 41:46)

Il credente ottiene il bene più grande quando svolge il ruolo prescritto per lui dal Creatore, Allāh:

È solo perché Mi adorassero che ho creato i dèmoni e gli uomini. (Corano 51:56)

Il messaggio dell’Islām si adatta alla fiṭrah (innata natura umana). Allāh ha creato l’uomo nella sua forma migliore. Egli (Gloria a Lui l’Altissimo) ha dotato questa innata natura della capacità di credere nell’Invisibile. L’animale vive la sua vita in base ai suoi sensi mentre l’uomo può riferirsi ad un sistema più ampio che include l’abilità di credere in ciò che non vede.

Così l’anima dell’uomo e i suoi orizzonti sono più ampi e aperti di quelli degli animali. L’uomo sa che la corrente elettrica è composta da piccole particelle chiamate elettroni. Anche se siamo incapaci di vedere queste particelle, il loro effetto potrebbe essere visto tramite uno strumento chiamato oscilloscopio sottoforma di onde elettriche. Nella natura e in noi stessi, ovunque, possiamo vedere i Segni di Allāh, dobbiamo quindi relazionarci con il Creatore nella maniera perfetta che Lui ha scelto per noi. Questo è il diritto di Allāh su di noi: che adoriamo Lui solo. Il Profeta Muḥammad (pace e benedizioni su di lui) chiese al suo compagno Mu‘ādh ibn Jabal:

 “Oh Mu‘ādh! Lo sai tu qual è il diritto di Allāh sui Suoi servi?” Risposi: “Meglio di me lo sanno Allāh e il Suo Inviato.” Continuò: “Che Lo adorino e non Gli associno nessuno. E lo sai qual è il diritto loro su Allāh?” Risposi: “Meglio di me lo sanno Allāh e il Suo Inviato.” Il Profeta continuò: “Che Allāh non castighi nessuno di coloro che non Gli associno nulla.”

L’uomo, grazie alla capacità di cui Allāh l’ha dotato, può relazionarsi con i “proiettili elettronici” che costituiscono le caratteristiche dell’atomo. L’innata natura umana riconosce gli Attributi del Vero Dio e i Suoi Segni nella creazione anche se è incapace di vedere Allāh in questa vita. Si può quindi facilmente capire che la maggiore ricompensa riservata ai credenti nel Giorno del Giudizio sarà di poter vedere Allāh. Conoscere Allāh, i Suoi Nomi e Attributi, porta l’uomo ad adempiere allo scopo della sua presenza sulla terra; come menzionato nel seguente verso coranico:

In verità il giudizio appartiene solo ad Allāh. Egli vi ha ordinato di non adorare altri che Lui. Questa la religione immutabile, eppure la maggior parte degli uomini lo ignora. (Corano 12:40)

Gli Attributi di Allāh e i Suoi Segni nella creazione testimoniano la Sua Unità e Unicità, e che sia l’Unico Vero Dio Che meriti di essere adorato. L’uomo che respinge questo concetto sottovaluta Dio e può quindi rifiutare ogni forma di adorazione dovuta ad Allāh e rivolgerla ad altri. Tra questi negazionisti vi sono coloro i quali pensano che l’Universo si sia formato da sé o che sia venuto ad esistere per caso. Questo implica che l’uomo “non abbia uno scopo da adempiere” poiché venne ad esistere senza un obiettivo definitivo. Di conseguenza l’avere una morale o un sistema di valori diventa privo di significato; l’uomo è solo “uno strumento” al servizio di “madre natura” che, secondo Darwin stesso, “agisce casualmente”! Questo modo di pensare è privo di scopo e avviene quando l’uomo non riconosce la sua relazione con Colui Che ha creato la vita e la morte, l’Universo e tutto ciò che lo circonda, tutto nelle dovute proporzioni.

 Allāh ha stabilito una misura per ogni cosa. (Corano 65:3)

Coloro che negano il bisogno che l’uomo ha del suo Creatore sono senza scopo. Allāh si riferisce a loro nel Corano:

Hanno cuori che non comprendono, occhi che non vedono e orecchi che non sentono, sono come bestiame, anzi ancor peggio. (Corano 7:179)

Leggi tutto